Attivita culturali Accesso cataloghi

Biblioteca Aldo Luppi

Tours virtuali letterari


Le località citate in libri famosi, scena dopo scena. Realizzato con virtual tour
Per procedere nella storia del libro passare alla scena successiva, premere i per leggere le informazioni.

Nelle terre estreme di Jon Krakauer


 

Nell'aprile 1992 Chris McCandless, un giovane di buona famiglia, si incamminò da solo nell'immensità dell'Alaska, a nord del Monte McKinley. Due anni prima, appena terminati gli studi, aveva abbandonato tutti i suoi averi e donato in beneficenza i suoi risparmi. Ai genitori e agli amici spiegò che aveva deciso di lasciare la civiltà per abbracciare la natura. Quattro mesi più tardi il suo cadavere fu rinvenuto da un cacciatore d'alci: accanto al corpo, un diario che il giovane aveva inaugurato al suo arrivo in Alaska e compilato nel corso di un'agonia durata un mese, a partire dal giorno in cui capì che non sarebbe mai più ritornato tra gli uomini.

link al tour virtuale https://poly.google.com/view/eh3MDukunWo
 

Il giovane Holden di J.D. Salinger

 

Natale 1949, il giovane Holden viene espulso (per la terza volta) dal college. Decide di partire per New York, dove abita con i genitori e la sorella minore Phoebe, ma di non andare a casa fino a quando i suoi non avranno letto la lettera che comunica la sua espulsione. 
«E poi non mi metto certo a farvi la mia stupida autobiografia o non so cosa. Vi racconterò giusto la roba da matti che mi è capitata sotto Natale, prima di ritrovarmi cosí a pezzi che poi sono dovuto venire qui a stare un po’ tranquillo. Ovvero quel che ho raccontato a D. B., che però è mio fratello, non so se mi spiego. Lui sta a Hollywood, quindi non lontanissimo da questo schifo di posto, e infatti viene a trovarmi praticamente ogni weekend. Dice che mi riaccompagna in macchina quando il mese prossimo torno a casa, forse. Si è appena comprato una Jaguar. Uno di quei gioiellini inglesi che fanno anche i trecento all’ora. L’ha pagata una sberla tipo quattromila dollari. È sfondato di soldi, adesso. Prima no. Prima, quando stava a casa, era solo uno scrittore normale».


link al tour virtuale https://poly.google.com/view/bfBM_nRySk5
 

Latinoamericana. Diario di un viaggio in motocicletta di Ernesto Che Guevara

 

Notas de viaje, conosciuto anche come Latinoamericana, è uno dei diari di Ernesto Guevara. È stato pubblicato a Cuba nel 1992 e in Italia nel 1993.
Il libro ripropone in forma narrativa tutte le note e gli appunti raccolti durante il lungo ed avventuroso viaggio improvvisato dal giovane Ernesto Guevara e dal suo amico Alberto Granado attraverso l'America Latina, inizialmente in sella alla motocicletta di quest'ultimo (una Norton 500 M18 del 1939 soprannominata "Poderosa II") e successivamente a piedi o con i più disparati mezzi di fortuna. All'epoca il futuro rivoluzionario era ancora uno studente della facoltà di medicina, prossimo alla laurea, mentre Alberto era un giovane biochimico che lavorava in un ospedale locale.

Con partenza dall'Argentina le tappe fondamentali del loro itinerario sono Machu Picchu ed il lebbrosario di San Pablo. Durante i cinque mesi del viaggio, puntellati anche da due gravi crisi d'asma, il giovane Ernesto avrà modo di osservare la miseria e la sofferenza del popolo, indotte da regimi autoritari volti a favorire nella regione gli interessi politici ed economici degli Stati Uniti, e di consolidare la propria volontà di contribuire a realizzare un mondo più equo. Leggendo si nota la differenza tra gli appunti dei due compagni di viaggio: mentre quelli di Ernesto sono più disordinati e riflessivi, quelli di Alberto sono molto precisi e diretti.


link ai tour virtuali

latinoamericana I Dall'Argentina al Cile

latinoamericana II Perù, Colombia, Venezuela 

Un indovino mi disse di Tiziano Terzani

 
Nel 1976, ad Hong Kong, un indovino cinese predice a Terzani che nel 1993 correrà un grande rischio di morire. In particolare gli raccomanda di non prendere mai l'aereo. Giunto alla fine del 1992, Terzani si ricorda della profezia e decide, più per gioco che per paura, di tenerne conto: trascorrerà quindi l'intero 1993 senza mai utilizzare aerei ed elicotteri. Ottenuto dal giornale per il quale lavora (il settimanale tedesco Der Spiegel) il permesso di vivere un anno muovendosi solo per terra e mare, cosa inconsueta per un giornalista, Terzani festeggia il capodanno 1993 in Laos, dove si trova per motivi professionali, e si appresta a trascorrere l'anno rispettando la profezia, ma anche incontrando ogni sorta di indovini e astrologi a cui chiedere conferme sulla profezia.

Prima parte:
Birmania, Malesia, Singapore, Sumatra
 
link al tour virtuale I parte

Seconda parte: 
In Cambogia per le "prime elezioni democratiche" del paese
 

link al tour virtuale II parte

Terza parte:
in Europa in treno, passando per la Mongolia e la Russia
 

link al tour virtuale III parte

Quarta parte:
Agli inzi del dicembre 1993 i giornalisti vengono invitati a un rally dell'amicizia che sancisce il primo collegamento tra la città di Chiang Rai, nelnord della Thailandia, e quella di Kumming, nel sud della Cina. Passando per la Birmania. "Per gli organizzatori, il viaggio fu un grande successo. Per me una continua disperazione".
 

link al tour virtuale IV parte
 
Pagina aggiornata il 29-07-2020 da Biblioteca Luppi - Pagina visualizzata 128 volte