Attivita culturali Accesso cataloghi

Biblioteca Aldo Luppi

Tutorial Ambigrammi

Si tratta di scrivere una parola, una frase, un nome, in modo che capovolti, ruotati, ribaltati, ecc. rimangano identici o si trasformino in altre parole, frasi, nomi.

Supponiamo di voler fare l'ambigramma del nome Chiara

Il nome si dovrà leggere anche se ruotato di 180 gradi. 
Quindi provo a scrivere il nome, a copiarlo e ruotarlo di 180 gradi per farmi un'idea di come posso sovrapporlo.
  
Si possono utilizzare vari programmi di grafica per queste operazioni io ho utilizzato un editor di testo per vedere i vari font poi ho disegnato a mano libera.

Studiando il nome vediamo che la C maiuscola, come la G maiuscola, si prestano per diventare un ricciolo al termine del nome quindi decido le coppie delle lettere da sovrapporre:

La C e h dovranno diventare,  una volta ruotate di 180 gradi, una a con ricciolo finale
quindi sovrappongo la Ch e la a ruotata di 108 gradi e decido cosa cancellare e cosa aggiungere
 
    
Ecco come ho deciso di disegnare la Ch
  
che ruotata di 180 gradi dovrebbe sembrare una a con ricciolo finale
  
la i dovrà essere leggibile come una r ruotata di 180 gradi;
quindi sovrappongo i alla r ruotata di 180 gradi e decido cosa togliere ed aggiungere
  
  
la a dovrà essere leggibile anche ruotata di 180 gradi. Per farlo seguo lo stesso procedimento utilizzato con le altre lettere.
   
Una volta disegnato metà nome ovviamente basterà ricopiarlo ruotato di 180 gradi per terminare il lavoro
 
Ecco l'ambigramma del nome Chiara
  

Proviamo con un altro nome. Per esempio Elena.
Per decidere come sovrapporre le lettere conviene fare varie prove con diversi font.
   
  
 

In questo esercizio grafico siamo aiutati da un fenomeno detto pareidolia, ovvero l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti dalla forma non perfettamente coincidente a come dovrebbero essere. Tendiamo insomma a "dare un senso".
Quando si progetta un font (le lettere con le quali si scrive sul pc: sono font ad esempio il Verdana e l'Arial) in realtà si tengono in conto tantissimi fattori e, tra questi, che alcuni tratti sono indispensabili per richiamare nella nostra mente una determinata lettera altri non lo sono.
Pagina aggiornata il 10-05-2021 da Biblioteca Luppi - Pagina visualizzata 177 volte