Attivita culturali Accesso cataloghi

Fuoricanone: donne oltre i limiti. Voltairine de Cleyre (1866-1912) e Valerie Solanas (1936-1988)

Venerdì 12 aprile 2024, ore 17

Biblioteca Ariostea Via delle Scienze, 17 Ferrara

Conferenza di Sandra Rossetti e Antonella Cagnolati

Per il ciclo di incontri "Fuoricanone", a cura di Antonella Cagnolati e Sandra Rossetti

Per secoli le donne hanno dovuto conformarsi a codici comportamentali stabiliti dalle rigide regole della società patriarcale. L’ethos muliebre era quindi condizionato dall’inappellabile obbedienza a categorie che sottolineavano il valore della sottomissione, dell’umiltà e del silenzio. Alle poche devianti che si fossero permesse di ribellarsi a tali imprescindibili prescrizioni le comunità riservavano trattamenti che nella maggior parte dei casi potevano declinarsi in violenze sia fisiche che psicologiche, in torture, in macabri rituali di annientamento. Al tramonto del Medio Evo decine di donne, ritenute scandalosamente difformi dal modello prescrittivo imperante, vennero sacrificate ed eliminate in conseguenza della loro presunta pericolosità per la tradizionale gestione dell’ordine sociale. Tacciate di devianza e di follia, furono relegate ai margini, obbligate a occultare le loro conoscenze e la loro energica volontà di ribellione alla misoginia dominante. Pur godendo in tempi recenti di diritti affermati e codificati dalle leggi, rimane ancora a livello sociale una opinione del tutto negativa allorquando alcune donne, nella sfera dell’arte, della letteratura e della cultura in senso lato, osano denunciare le strutture mortificanti che le pongono al di fuori dei tradizionali confini unanimemente accreditati dalla normativa socio-antropologica. Lo stigma pervasivo che illumina di luce sinistra i loro comportamenti si attaglia alla vita e non solo alla produzione artistica: occorrono quindi meccanismi di interpretazione assai differenti che possano valorizzare l’originalità, lo spirito profetico, la diversità come elemento di rottura, il coraggio nel superare i limiti.
Il ciclo di tre distinti incontri dal titolo "Fuoricanone" intende far luce su sei figure femminili che, ognuna a suo modo, hanno sfidato le regole e hanno posto in evidenza il loro talento, ciascuna in un ben preciso ambito. Si inizierà con la presentazione di due profili abbastanza oscurati dalla storiografia ufficiale come Voltairine de Clayre (1866-1912), scrittrice e attivista anarchica, di cui parlerà Sandra Rossetti, e Valerie Solanas (1936-1988), teorica femminista nella New York degli anni Sessanta, presentata da Antonella Cagnolati. Si proseguirà con l’analisi della vita e dell’opera di Ursula K. Le Guin (1929-2018), scrittrice di valore nell’ambito della fantascienza, un genere che da sempre pare riservato alle penne maschili, proposta da Eleonora Federici, e di Laura Conti (1921-1993), ritenuta a buon diritto la prima ambientalista italiana, di cui tratterà Simona Salustri. L’ultimo incontro sarà dedicato a Celia Fiennes (1662-1741), impavida viaggiatrice e diarista, descritta da Enrica Guerra, e a Clara Josephine Wieck Schumann (1819-1896), la cui figura che sarà illustrata da Ilaria Borraccetti.
 
Antonella Cagnolati, già professore ordinario di Storia moderna presso l’Università di Foggia, ha da sempre dedicato le sue ricerche alla storia delle donne, sia sotto il profilo delle pratiche educative a loro dedicate, sia per la riscoperta e pubblicazione di testi e opere scritti da donne. È membro di vari gruppi di ricerca in Spagna come Escritoras y escrituras (Università di Siviglia), EPERFLIT (Università di Salamanca) ed ha al suo attivo numerose pubblicazioni in varie lingue. È unanimemente riconosciuta come la massima esperta sulla vita e l’opera di Olimpia Morata di cui ha tradotto dal latino e pubblicato in versione bilingue (italiano/spagnolo) parte delle lettere. Attualmente lavora sul legame tra eresia e pedagogia nella corte ferrarese di Renata di Francia nella prima metà del secolo XVI.

Sandra Rossetti, docente di Filosofia e Storia presso il Liceo Ariosto di Ferrara, da anni si dedica a studi relativi alla filosofia politica e al pensiero delle donne, che ha approfondito durante il Dottorato di Ricerca in Filosofia e, in seguito, attraverso corsi, conferenze e pubblicazioni su autrici/autori e su tematiche e problemi della tradizione politica dell’Occidente.

Pagina aggiornata il 03-12-2019 da admin - Pagina visualizzata 1328823 volte